ministro israeliano sicurezza interna Yitzhak Aharonovic

month” to be pushing Israeli-Palestinian peace efforts, Justice Minister Tzipi Livni observed with magnificent understatement in the course of a pre-Rosh Hashanah interview with The Times of Israel. “Neither in Israel nor in the Palestinian Authority.”
Get The Times of Israel's Daily Edition by email
and never miss our top stories Free Sign up!
And yet, push Livni relentlessly does, adamant that a serious effort at peacemaking is vital to Israel’s security, to the partnerships Israel seeks elsewhere in the region, to the maintenance of a strong relationship with the United States, and to Israel’s very capacity to defend itself against the rising tide of brutal Islamic extremism.                                                                   Livni, 56, was a weightier political force five years ago, when the party she headed at the time, Kadima, outscored Prime Minister Benjamin Netanyahu’s Likud in general elections, 28 seats to 27. But she and Netanyahu failed to forge a coalition partnership, he built a government without her, Kadima withered in opposition and ousted her as its leader, and today Livni heads a minor, six-seat coalition faction called Hatnua. Yet the Livni of fall 2014, of Rosh Hashanah 5775, seems a little liberated by the contraction of her political fortunes. Unlike Kadima, into which the ex-Mossad agent, lawyer, and Likud minister followed Ariel Sharon, Hatnua was her party from the get-go, and having only six seats seems to leave her feeling she has not much to lose, lots to gain, and less need for wary caution.
In our conversation, conducted in her office in a government high-rise opposite the Defense Ministry headquarters in Tel Aviv, the justice minister was both nuanced and candid in tracing the collapse of the US-mediated peace effort she led on Israel’s behalf until this spring, outspoken in her criticism of Israel’s settlement policies, unsparing over her grievances with PA President Mahmoud Abbas, and emphatic about the centrality of a credible, pro-peace policy to Israel’s capacity to retain international legitimacy.
She also revealed details of a sadly curtailed effort to foster “a culture of peace” among Palestinians and Israelis — a bid to change the tone and content of what goes out in the media, in the sermons of religious leaders, in the schools — in order to create a climate that would encourage compromise. Prime Minister Benjamin Netanyahu and Hatnua party leader Tzipi Livni during a joint press conference announcing their coalition deal, Jerusalem, Tuesday, February 19, 2013. And in the wake of Prime Minister Benjamin Netanyahu’s declarations this summer about the imperative to maintain Israeli security oversight in the West Bank, she carefully explained why there was no necessary contradiction between Israel’s security needs and Palestinian sovereignty. “They get the state and, by virtue of their independence, they take upon themselves certain limitations,” she said. “One goes with the other.” Our interview was conducted in Hebrew. What follows is a lightly edited translated transcript: The Times of Israel: Prime Minister Netanyahu said a few weeks ago that what happened in Gaza this summer — with Israel battered by a Hamas-run terror-state — underlines the need to maintain security oversight in the West Bank. He has indicated that he wants to separate from the Palestinians, but worries that granting them full sovereignty would create a situation that endangers Israel. It’s a powerful point, no? Tzipi Livni: When something happens (like the Gaza conflict), each of us draws conclusions that bolster the stances we held before. First, we need to ensure security in Judea and Samaria. What happened in Gaza was not the first conflict of its kind; it wasn’t surprising. It was the third round of conflict since the disengagement (Israel’s unilateral withdrawal from Gaza in 2005). We’ve been complaining about rockets on the south for years; residents of the Gaza envelope communities have been complaining for 14 years that they’re under rocket fire. It didn’t start in 2005 with the disengagement. Our security doctrine certainly needs to take into account what happens in territory from which we withdraw. I never believed that we should just throw the key over the border and hope that Hamas won’t catch it.
But my security doctrine is comprehensive. We need to be sure we have our own capabilities, but we also need a regional, comprehensive doctrine. The narrow focus gives less security than a wider focus. Every discussion about security is welcome and appropriate. Every agreement (with the Palestinians) will have to include the appropriate security arrangements. In the negotiations, we always spoke about “performance-based” (barometers) when we discussed the withdrawal of IDF forces. (In other words, that the IDF would withdraw dependent on Israel’s assessment of the capability of PA forces to ensure security after its departure — DH.) There was always an argument. Abu Mazen (Abbas) would say, “I want to know the date” (of the withdrawal). And we’d say, “We want to know about the performance.” All of this is legitimate. ‘To the best of my knowledge, the prime minister does not share the Greater Israel ideology’. What is less legitimate is those who use security arguments in order to claim that we should invest in settlements. Settlements are not a security doctrine. When we left Gaza, the discussion about Gaza was a security discussion — on whether we should leave the IDF in place in Gaza, on whether to retain a military deployment on the Philadelphi Corridor (between Gaza and Egypt). Nobody in Israel who believes in two states for two peoples would replant the Gush Katif settlement bloc in Gaza as part of Israel’s security doctrine.
You have to make that distinction. There is the worldview of Greater Israel, the worldview of settlements: to send citizens to live in those places. That’s not about security, that’s not about the army. That’s about an ideology that believes we need to stay in all of the Land of Israel. I don’t share that ideology. To the best of my knowledge, the prime minister does not share that ideology. And therefore the discussion over security is not an ideological discussion. Rather, it’s about the responsibility of every leader, myself included, to provide an answer to Israel’s security needs. There are those who utilize the sense of fear that exists in Israel — about Hamas, IS (Islamic State), and all the crazies all around — and who say, “You see, it’s forbidden to have a diplomatic process now, because what will we do about all those crazies? We need to stay frozen in place and not do anything.” Some people are using that situation in order to build more in the settlements. It’s important for me to stress that distinction. There was lots of confusion over this for years. I come from an ideological movement (the Likud) that gradually came to use security as a means to advance its ideology. But those movements — Hamas, IS and so on — are out there. And we saw what Hamas did in building a war machine in Gaza. And we heard that it intended to topple Mahmoud Abbas in the West Bank. Surely Abbas should be saying to Israel, specifically to the IDF, “Stay! Help me, until it’s safe enough for you to withdraw, so that I don’t get brought down by the Islamist radicals.” Instead, we hear him insisting that Israel speed up the pullout.
Let’s be accurate: We hear that he wants decisions that will deal with speeding up our withdrawal. A man holds part of a rocket that exploded and fell inside the Israeli border with the Gaza Strip on August 20, 2014. I want to talk about what we learned from the latest conflict with Gaza with reference to our security doctrine. We know that Hamas took control of territories Israeli forces had left. We know that the terrorist groups and the extremist groups are often militarily and politically stronger, unfortunately, than the more moderate forces. But we also saw, and I also saw in our cabinet, ministers who until the operation (against Hamas) saw Abu Mazen as the enemy, but who, in our difficult neighborhood, began to internalize that the range of options isn’t great. In the course of the operation, these ministers made clear they wanted Abu Mazen, not Hamas, in Gaza.
I have grievances with him — over how the negotiations ended (last spring), over his turning to the UN, his joining up with Hamas (in the Palestinian unity government). But given the choice, (even these hawkish ministers) wanted to see a process that returns Abu Mazen to Gaza, and not to leave Gaza in the hands of Hamas. Nor to return Israel to Gaza. Israel made that choice, one more time, just now: Israel chose not to conquer Gaza. That’s a fact.
A second thing: We saw how cooperation between Israel and the more moderate forces in the region is critical to the success of everything we want to happen. The cooperation with Egypt was critical. The understanding that Hamas is a common enemy was critical to our capacity to create a discussion with Abu Mazen, with the legitimate PA. Our capacity to create such an axis with Egypt, Jordan and other nations (is vital). There’ll always be a linkage, whether I like it or not, between their relationship with us, their capacity to create a joint front against IS and others, and the existence of a process of some kind with Abu Mazen, sufficiently serious, with the hope of an end to the conflict. ‘Always, from the first day of the negotiations, it was clear that any agreement (on Palestinian statehood) would not include full and complete sovereignty’. As for Judea and Samaria, the West Bank, I said from the start, my entire desire is to reach an agreement whose implementation will be absolutely dependent on security arrangements, which is completely different from the disengagement from Gaza, when we simply withdrew unilaterally. And can we reach a deal with Abbas? Publicly I can understand him calling for the IDF to leave. But privately in the negotiations, in the closed rooms, he ought to be worried by Hamas, he ought not to want the IDF to leave rapidly.
The last thing I’m going to do is to speak on Abu Mazen’s behalf in this interview. Those are certainly questions worth asking him.
But you seem to be saying that Israel won’t give the Palestinians full sovereignty during the next few years? Always, from the first day of the negotiations, it was clear that any agreement (on Palestinian statehood) would not include full and complete sovereignty. We are speaking in terms of a sovereign Palestinian state, but it’s clear that the sovereign Palestinian state must accept limitations. Certainly demilitarization. By the way, that’s also what we’re demanding now for Gaza. Limitations and arrangements that will ensure, in the long term, that no threat is created of the kind we have been witnessing.
That sounds exactly like what Netanyahu is saying, if I understand you correctly — something less than full sovereignty. ‘The idea that there is a necessary contradiction between Israel’s security and Palestinian sovereignty is incorrect’. The question is, what conclusion you draw. I’m talking about any agreement — this is not related to this summer. It was clear from the first day, including (the 2007) Annapolis (process helmed by former prime minister Ehud Olmert): We conducted a dialogue over the question, does a sovereign state mean that there are no limitations upon it? And my answer was no. Germany also took upon itself military restrictions after World War II. To this day, there’s a British military base in Cyprus. Sinai is demilitarized in accordance with the Israel-Egypt peace agreement. Therefore the idea that there is a necessary contradiction between Israel’s security and Palestinian sovereignty is incorrect. They get the state and, by virtue of their independence, they take upon themselves certain limitations. One goes with the other. And Abbas has accepted demilitarization? Yes, though there’s an argument about what demilitarization entails, whether it’s “non-militarization” or “limited arms.” That’s why you negotiate. This all has operational expression on the ground: How is it overseen? Who’s at the border crossings? Who deploys along the border? Then-foreign minister Tzipi Livni with Mahmoud Abbas, president of the Palestinian Authority, at the World Economic Forum in Davos, Switzerland, September, 2008 Today, because of Egypt’s behavior, because of (President) el-Sissi’s stance against Hamas, weapons do not cross the Egypt-Gaza border. When you look at the Lebanon-Syria border, you see a porous border, despite the fact that you have a UN Security Council decision that speaks of an embargo on weapons transfers to Hezbollah. Future developments also have to be taken into account. Real security answers have to be found. The difference is whether you say, “Okay, there’s a security problem now, and therefore I’m not negotiating,” or if you say, “There’s a security problem, and so we need input for appropriate security answers as part of the negotiations.” The American security proposals to ostensibly facilitate an Israeli withdrawal from the West Bank, which Defense Minister Ya’alon derided and Netanyahu did not accept, do you consider them to be realistic or not, especially in light of this summer’s conflict with Hamas? Let me say again, nothing that happened this summer surprised me. Nothing surprised you? Not that two-thirds of airlines abandoned Israel? You want me to get into the details of the American proposal? I’m not going to do that. I’m not going to get into what may happen at the borders. Physical security answers will have to be found everywhere that the IDF leaves. The army’s departure will be linked to performance-based (barometers) for those who are gaining the territory we leave.
My security doctrine extends beyond the army security aspect. It’s a doctrine of regional partnerships, creating axes with those moderate regimes in the area, enabling cooperation in facing challenges and threats beyond Hamas, including IS. And the capacity to do all that depends, among other factors, upon the existence of a diplomatic process with the Palestinians, with the hope of reaching an agreement. All of which depends, for instance, on there being moderate regimes in places like Jordan and Egypt. In Egypt it was sheer coincidence that the president was el-Sissi and not the Muslim Brotherhood’s Mohammed Morsi. And who knows what will be there a year from now. Listen, Menachem Begin signed a peace agreement with Egypt 35 years ago. And the region is even less stable now than it was then. I’m not saying it’s more or less stable. I am saying that everybody who opposed the return of the Sinai to Egypt (under the peace treaty) should ask themselves whether they prefer a peace treaty and not to have Sinai, or to have Sinai and no peace agreement. I think the vast majority prefers to have a peace agreement even if there are dangers. or the possibility of things changing for the worse. There are no guarantees in any direction. The question is whether the state of Israel huddles into itself and says, “This is a small country surrounded by enemies and so I must maintain this situation,” which is a situation that is causing us international isolation and bringing pressures from every direction. It is a situation that enables Abu Mazen, instead of negotiating, to go to the UN and to create decisions whose content we do not influence and which are imposed upon us. American journalist James Foley, kneeling in orange, in a video released by the Islamic State, which apparently showed him being beheaded by his captor, August 19, 2014. I don’t think there’s going to be a “new Middle East” here. But I do think that with diplomatic processes not only with the Palestinians, but with the Arab world, we can prevent or at least work to prevent an “IS Middle East”. (This is a play on words in Hebrew: The Hebrew word for new, hadash, is similar to the Hebrew acronym for IS, Da’ish.) To prevent a Middle East of extremists. Israel’s security doctrine is not that Israel must invade every place from which a threat to Israel emanates. There’s a threat to Israel from Lebanon. There’s Hezbollah. There’s missiles. But we achieved deterrence in the military operation in the Second Lebanon War. We reached agreements with the international community, which set the rules regarding Hezbollah. And when it’s necessary, we take action alongside the deterrence that has been achieved. This neighborhood is not likely to become any more pleasant in the near future. The question is how we face up to the reality, with a security doctrine for an Israel that, thank God and thank the United States, is also a militarily strong country. You believe that continued building in the settlements makes things more complicated for Israel? Yes, I do. I think it harms our security. But that’s not the only reason for the hostility to Israel in this region. Of course not. We saw a nine-month American-led effort to reach an agreement, and it didn’t work. It seems to me that we ousted Netanyahu in 1999 because the public felt he was missing opportunities with Yasser Arafat, and we wanted someone who would try to reach a compromise. Whereas on the Palestinian side, the pressure is not to compromise. In the Arab world, there is such hostility to Jews, and to the very fact of Israel’s existence. I don’t think that’s the reason why Netanyahu was ousted in 1999 but that’s not for this interview. And remember, on our side, they killed a prime minister (Yitzhak Rabin) who signed an agreement. But I believe there is a consensus in Israel that favors an agreement of some kind, with lots of wariness about the other side. ‘With Islamic State, it’s like we’ve returned to the religious wars of a thousand years ago’. (There’s a consensus that) wants some kind of agreement, but the less an agreement is perceived to be possible, and the more the dangers are seen as greater, and the more the public is persuaded that there is no hope, the less people battle for it. And that’s very sad. I worry that a state with no hope of a better future becomes untenable. If parents believe they have no future but to send their children to fight every year… When I entered politics my children were 8 and 5. Today they are 28 and 25. Wow. I entered politics not so that they would or wouldn’t go to the army. But rather, so that come the day that I leave this world, I leave them something of value, safe… At least to try… Absolutely not. Trying is necessary but not sufficient. Let’s look first at IS, at the Islamist radicals. Their ideology is not connected to the Israel-Palestinian conflict. And if we solve the Israel-Palestinian conflict, their ideology will not change. They cut off heads. It’s like we’ve returned to the religious wars of a thousand years ago. This kind of cruelty. In those days, they beheaded people in the town square; now they do it on TV and social media. It goes much further. It spreads horror and fear far beyond the region. They fight against all non-believers, whether it’s Muslims who don’t share their interpretation, Jews, or Christians. It has nothing to do with the Israeli-Palestinian conflict. Our conflict is a national conflict, between two national movements, the Zionist movement and the Palestinian nationalist movement. The Islamist extremist religious ideology does not stem from this conflict; it utilizes it. It uses it among peoples in the region. This could also be in Egypt, by the way. Surrounded by Islamist brutality, says Tzipi Livni, Israel can't just 'huddle into itself' | The Times of Israel http://www.timesofisrael.com/surrounded-by-islamist-brutality-says-tzipi-livni-israel-cant-just-huddle-into-itself/#ixzz3EGLokjEM
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

La nostra capacità di stare a fianco degli Stati con le dirigenze più pragmatici, e la loro capacità di gestire la propria opinione pubblica, dipende tra l'altro, trovare una risposta al conflitto israelo-palestinese. Che, permetterebbe di eliminare il problema, hanno rivolto loro pubblico quando dicono, "Sì, stiamo lavorando con Israele (per l'estremismo islamico del contatore)." [[ l'antisemitismo NON è SUSCITATO, DALLE BRUTALITà, CHE AVVENGONO, CONTRO, LA VIOLENZA ISLAMICA, E VICEVERSA! TUTTI I POPOLI SI SENTONO AFFAMATI, DISPERATI, POVERI, DERUBATI, E GIUSTAMENTE, DANNO LA COLPA DI TUTTO QUESTO, A ROTHSCHILD, QUINDI, INGIUSTAMENTE, ANCHE, TUTTI I GLI EBREI SONO I SUOI COMPLICI! ECCO COME è SORTO L'ANTISEMITISMO, CHE è SEMPRE ESISTITO, ANCHE, PRIMA CHE ISRAELE FOSSE! ] «Quello che abbiamo visto nel mondo arabo, dove l'opinione pubblica è anti-Israele ed è molto difficile per le dirigenze di affrontare, è anche accadendo ora in Europa»
Seconda parte: certamente c'è antisemitismo nel mondo. Ci sono persone la cui visione del mondo non è (formato) a causa della nostra politica, ma a causa di ciò che siamo. L'idea di uno stato ebraico non è apparentemente, in primo luogo, nell'opinione pubblica. Ma non è tutti. E noi dobbiamo distinguere tra coloro che criticano noi, sulle decisioni che, prendiamo e coloro che (attaccarci) a causa di odio come, i gruppi islamisti o anti-semiti. [[ IO CREDO, CHE, TOGLIERE IL POTERE, del NWO 322, 666 AI FARISEI ILLUMINATI SATANISTI, TALMUD, E COSTRINGERLI AD AVERE UNA PATRIA, SIA L'UNICA STRADA, CHE, POSSA ESSERE PERCORSA PERCHé, TUTTO IL GENERE UMANO, NON VADA INCONTRO, ALLA SUA ESTINZIONE! QUINDI, IL DIRITTO DI TUTTI GLI EBREI AD AVERE UNA PATRIA, DI 400.000 KMQ, DEVE ESSERE LA PRIORITà UNIVERSALE ED ASSOLUTA! TUTTI DEVONO PARLARE DI QUESTO, TUTTI DEVONO RELIZZARE QUESTO! ] ecco perché, ci vuole un GARANTE UNIUS REI, IL CUI LAVORO, E LA CUI TENEREZZA, DI ACCOGLIENZA, MA ANCHE, LA SUA FEROCIA, SIANO SENZA ESITAZIONE E SENZA PIETà, CONTRO, CHIUNQUE VIENE MENO A QUESTO CONTRATTO, TRA, I POPOLI E EGITTO, ARABIA SAUDITA! ] Posso vincere il mondo e spiegare la situazione di Israele o almeno essere in sintonia, quando parliamo di sicurezza. Dobbiamo assolutamente lavorare per garantire che il mondo esegue sempre il nostro diritto all'autodifesa.
Il problema è che, quello che abbiamo visto nel mondo arabo, dove l'opinione pubblica è anti-Israele, ed è molto difficile, per le dirigenze di affrontare, anche accade ora in Europa. Avere discussioni con i leader mondiali. È molto difficile per loro. Si dice, "abbiamo capito perché, dovete colpire Hamas. Siamo con te. Ma la questione degli insediamenti rende Israele incomprensibile e rasati di credibilità quando dice che, vuole la pace". Agli occhi dell'Europa, la strada europea, l'impresa di insediamento è una sorta di colonialismo vecchio stile. Non auto-difesa, che sarebbe accettabile. [[ SE, OGNI GUERRA PREVEDE DEI MORTI, PERCHé, CHI SUBISCE DEI MORTI, PERCHé AGGREDITO, NON HA IL DIRITTO, DI FARE, DELLE ANNESSIONI TERRITORIALI? ALTRIMENTI, I SUOI MORTI INNOCENTI, SAREBBERO MORTI INUTILMENTE, DA QUESTO PUNTO DI VISTA, PER TUTTO IL TERRORISMO E LE GUERRE, CHE, ISRAELE HA DOVUTO SUBIRE? POI, ISRAELE HA IL DIRITTO DI IMPOSSESSARSI DI TUTTA LA LEGA ARABA! ]]
Quel mix non è un bene per Israele. Non cerco di amarmi. Sarebbe bello, ma non è l'obiettivo. Cerco assicurare che manteniamo la legittimità per difenderci contro quelle forze terroristiche estremiste. E la politica di Israele per quanto riguarda ciò che vuole in queste aree (di pacificazione e insediamenti) non è chiaro. E, infine, che danneggia la sicurezza di Israele. Quindi abbiamo a che fare con tutto questo. [[ GLI INSEDIAMENTI, SONO LEGITTIMI, DA UN PUNTO DI VISTA NATURALE E LEGISLATIVO INTERNAZIONALE, PERCHé, GLI EBREI HANNO DIRITTO ALLA LORO IDENTITà E NAZIONALITà, HANNO SOPPORTATO TROPPE SOFFERENZE E TROPPI PERICOLI, ANCHE LORO HANNO DIRITTO AD UNA NAZIONE COME TUTTI! LA POLITICA DI GENOCIDIO DEGLI ARABI è TROPPO SPORCA, E NAZISTA, PER NON POTER DIRE, NOI POSSIAMO TROVARE UNA SISTEMAZIONE AI PALESTINESI TRA DI NOI! CHE, UN PROBLEMA PALESTINESE NON ESISTEREBBE SE, LA LEGA ARABA NON HA PROGETTATO DI FARE IL GENOCIDIO DEL GENERE UMANO! DA MAOMETTO AD OGGI, PER LORO NULLA è CAMBIATO! RIMANGONO DEGLI SPIETATI NAZISTI E CRIMINALI! ]]
Ovviamente, Israele è molto problematico in questa regione con quelle forze islamiste di estremista. Israele è lo stato ebraico e ha interessi comuni e sfide comuni con il mondo ebraico contro l'antisemitismo, che è bruciato tutto il mondo. E Israele è parte del mondo libero, guidato dagli Stati Uniti. Siamo parte di quella stessa lotta contro i pazzi, radicali islamici. Siamo parte di quella rete intera che deve lavorare insieme.
Tornando all'ostilità verso Israele in questa regione: lei ha citato Al-Jazeera. Mi sembra che ciò che viene detto nelle moschee, ciò che esce dai media, quello che viene insegnato nelle scuole, è centrale a perpetrare quella ideologia ostile. Se, io avessi cresciuto nella Cisgiordania o a Gaza, esposto solo a quella narrativa dell'odio, immagino che, odio Israele. Sicuramente la sfida è di cambiare le cose? Per creare un'atmosfera in cui non c'è pressione pubblica la leadership al compromesso con Israele, non il contrario. [[ LA STRADA GIUSTA DA SEGUIRE è LA MONARCHIA FORTE, PERCHé, L'ISLAM NON è ADEGUATO CON LA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE, QUINDI ISRAELE, DEVE ESSERE DISTRUTTO GIURIDICAMENTE, E REALIZZARE UN REGNO DI CITTà AUTONOME, UNA TERRA DI PALESTINA, E SINAI EGIZIANO, E SINAI SAUDITA, MISTA, PER DUE POPOLI, UNA LEGGE, UNA TERRA! UGUALI OPPORTUNITà, UGUALI DIRITTI E DOVERI! ]]
Dobbiamo raggiungere un compromesso con la leadership palestinese, che fa parte del mondo arabo. Loro capacità di raggiungere un accordo di compromesso dipende dal loro supporto ricevendo dal mondo arabo pragmatico più ampio. Le dirigenze devono condurre il loro popolo e non l'altro senso intorno, anche se nelle democrazie, persone scelgono loro dirigenze. La leadership deve ancora portare.
Attualmente siamo in una situazione dove non c'è molta speranza su entrambi i lati. Nessuna fiducia in altro lato, nessuna speranza di pace. Non è il sapore del mese, non in Israele e non nell'autorità palestinese, per eseguire un processo e raggiungere un accordo.
'Se un leader arabo è visto con un leader israeliano, c'è qualcosa nella normalità dell'incontro che crea una comprensione che Israele non è quelle persone con le corna'
Per un leader palestinese raggiungere un accordo, che ha bisogno all'esterno del cerchio di sostegno dal mondo arabo. Tutti hanno bisogno di prendere un lato. Ci scusiamo per l'approccio semplicistico, ma la nostra regione è diviso tra il bene e il male. Il cattivo include IS, Hamas, Hezbollah e l'Iran. Il bene è tutto il resto. Sto parlando di leadership, non pubblico. Dobbiamo tener conto che è non è qualcosa di state-ish. Non vede confini. [[ NON C'è SPERANZA PER LA ARABIA SAUDITA, DI SOPRAVVIVERE, AD UN ATTACCO NUCLEARE,cioè, AL DI FUORI DEL MIO ACCORDO, PERCHé LA CONGIURA DI ARABIA SAUDITA E FARISEI ANGLO-AMERICANI PER DISINTEGRARE ISRAELE? RIMANE IN PIEDI!
http://www.timesofisrael.com/surrounded-by-islamist-brutality-says-tzipi-livni-israel-cant-just-huddle-into-itself/?fb_comment_id=fbc_948842955132625_949135161770071_949135161770071#f3a39ada5ee3832
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion


https://www.facebook.com/Mbm79 Martin Bauer "Ci credo, come dire di no a i festini di Arcore?"
Rispondi · Mi piace · Segui post · 2 ore fa
 vatti a lavare la coscienza, poi, tu non portare più qui, la tua spoRcizia! VERGOGNATI! tu stai vomitando malvagità, contro, persone innocenti: UN POPOLO INTERO ORGANIZZATO DEMOCRATICAMENTE E COSTITUZIONALMENTE, che, muoiono del Dombass, per non ricevere il genocidio decretato contro di loro: dal sistema Massonico Rothschild bildenberg Mekel! ]                                          Putin sarà al vertice Asem di Milano. Lo confermano fonti italiane
                                
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

ECCO PERCHé, SONO STATI UCCISI, COSì TANTI CRISTIANI MARTIRI INNOCENTI, PERCHé, LA RABBIA DEGLI ISLAMICI, FANATICI ASSASSINI, DOGMATICI, NON SI POTEVA SFOGARE, CONTRO, ISRAELE! QUINDI, I VIGLIACCI HANNO UCCISO I CRISTIANI INNOCENTI, AUMENTANDO, CONTRO, DI LORO L'IRA DI DIO, E L'IRA DI UNIUS REI! TUTTAVIA, QUESTO DISCORSO è TROPPO INGENUO E SPROVVETUTO, PERCHé, LA GUERRA DI CIVILTà, è stata RIPORTATA AL MEDIO EVO, QUINDI, GLI ISLAMICI SI SONO PREPARATI PER UN NUOVO GENOCIDIO DI POPOLI, E quindi, TRAVOLGERANNO LE NAZIONI! COME ISRAELE POTRà RIMANERE IN PIEDI, in questo scenario? LA REGIA DI TUTTO QUESTO è: IN USA E ARABIA SAUDITA, la loro alleanza è anche un complotto, contro, Israele e contro, tutti i popoli del mondo!! Tutto quello che avviene è stato, già progettato e già pianificato, molti anni fa! ] [ There are wide gulfs between the more pragmatic leaderships, on the one hand — that understand that the Israeli-Palestinian conflict is a small part of all the threats in the area, and that Israel can be a partner in the war against the threats — and their publics, on the other. The (Egyptian and other Arab) publics have lived all those years with the perception of Israel as the enemy, (a perception fueled) by Al-Jazeera. So the Islamist radical groups certainly use this to foster hatred toward all non-believers in general and Israel in particular. That has to be dealt with.
Esistono golfi ampio tra le dirigenze più pragmatici, da un lato — che capiscono che il conflitto israelo-palestinese è una piccola parte di tutte le minacce della zona, e che Israele può essere un partner nella guerra contro le minacce — e loro pubblici, da altro. (Arabo egiziano e altri) pubblici hanno vissuto tutti quegli anni con la percezione di Israele come il nemico, (una percezione alimentata) da Al-Jazeera. Così i gruppi radicali islamici certamente utilizzano questo per favorire l'odio verso tutti i non credenti in generale e Israele in particolare. Che deve essere trattato.
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Justice Minister Tzipi Livni, HA DETTO GIUSTAMENTE, TUTTE QUESTE COSE, POICHé, IL MONDO HA ACCETTATO IN ONU LA SHARIAH LEGA ARABA DEI NAZISTI? POI, TUTTI I NAZISTI ISLAMICI SHARIAH SONO STATI TUTTI LEGALIZZATI! ECCO PERCHé, IL TERRORISMO è DIVENTATO UNO STRUMENTO LEGITTIMO DI GUERRA, PER I SATANISTI SIONISTI MASSONI ROTHSCHILD CULTO TALMUD, PER ROVESCIARE ASSAD!! ' Vediamo noi stessi, satellitare vista, come un piccolo stato circondato dai nemici. Il mondo sembra dal punto di vista di Google Earth e vede un soldato con la sua arma e un ragazzo palestinese o ragazza... È un'immagine distorta del conflitto '. Ho passato non mancano di guerre, battaglie, accordi e decisioni. Israele si batterà giustamente nelle sue guerre. Potrà osservare il diritto internazionale. Cercherà di evitare perdite civili. Esso sarà "bussare sul tetto" prima gocce di bombe. Esso sarà in pericolo di suoi soldati per evitare di danneggiare civili. Ma alla fine, perché i terroristi utilizzano loro civili, perché impediscono loro di evacuare, poi usano quelle immagini al fine di evitare che Israele facendo progressi militarmente e al fine di agire contro Israele. Il mondo si presenta naturale empatia per coloro che sono percepiti come vittime. Mi sono ritrovato a essere intervistato dalla BBC, e hanno chiesto (come se fosse una critica): "Hai la cupola di ferro". Beh, grazie a Dio abbiamo cupola di ferro. Eravamo in una situazione con l'aeroporto aggredita, persone costrette a correre ai ripari di bomba. Ero su una chiamata con Netanyahu e il Presidente degli Stati Uniti, a Tel Aviv, e abbiamo dovuto sospendere la chiamata (a causa di un attacco del razzo). Non mi aspetto che il mondo non per giudicarci. Dovrebbe giudicare noi — ma sulla stessa base si giudica se stesso o qualsiasi democrazia. Incidenti mortali sul lato palestinese sono accidentali, dopo che abbiamo fatto ogni sforzo per prevenirli. Al contrario, i terroristi sono deliberatamente puntante civili. E mi aspetto che il mondo a fare tale distinzione. Ma non è così. Nonostante gli sforzi... Si dimenticano dopo i primi due giorni. Ci saranno altri giri di conflitto e reputazione di Israele continuerà a cadere. Nonostante i migliori sforzi. William Schabas (schermo cattura: YouTube) Questo comitato (UN investigativo) con Schabas (William): sarebbe come ministro della giustizia nomino qualcuno a giudicare chi ha già detto qual è la sua posizione? C'è un problema, e abbiamo a che fare con esso. Perché questa ingiustizia a Israele? Quanto tempo passa dal momento che la creazione di Israele, ciò che è stato preso per scontato nel 1948 non più è preso concesso. Vediamo noi stessi, I’ve been through no shortage of wars, and battles, and arrangements, and decisions. Israel will fight justly in its wars. It will observe international law. It will seek to avoid civilian casualties. It will “knock on the roof” before it drops bombs. It will endanger its soldiers to prevent harming civilians. But in the end, because the terrorists use their civilians, because they prevent them from evacuating, they then use those pictures in order to prevent Israel from making progress militarily, and in order to act against Israel. The world shows natural empathy to those who are perceived as the victims. /// I found myself being interviewed by the BBC, and they asked (as though it was a criticism): “You have Iron Dome.” Well, thank God we have Iron Dome. We were in a situation with the airport being attacked, people forced to run to the bomb shelters. I was on a call with Netanyahu and the president of the United States, in Tel Aviv, and we had to suspend the call (because of a rocket attack). I don’t expect the world not to judge us. It should judge us — but on the same basis as it judges itself or any democracy. Fatalities on the Palestinian side are accidental, after we have made every effort to prevent them. By contrast, the terrorists are deliberately aiming at civilians. And I expect the world to make that distinction. But it doesn’t. Despite the best efforts… They forget after the first two days. And there’ll be more rounds of conflict, and Israel’s reputation will continue to fall. Despite the best efforts. William Schabas (screen capture: YouTube) This (UN investigative) committee with (William) Schabas: Would I as justice minister appoint someone to judge who has already said what his position is? There is a problem, and we have to deal with it. Why this unfairness to Israel? As time passes since the establishment of Israel, what was taken for granted in 1948 is no longer taken for granted. We see ourselves, http://www.timesofisrael.com/surrounded-by-islamist-brutality-says-tzipi-livni-israel-cant-just-huddle-into-itself/?fb_comment_id=fbc_948842955132625_949135161770071_949135161770071#f3a39ada5ee3832
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

questo articolo è sciocco, perché, è vero che, le guerre sono fatte dai super ricchi, per uccidere i poveri, ed in questo modo, fare recuperare, riequilibrare la matematica finanziaria, DELLA USUROCRAZIA SATANISMO FARISEI TALMUD BANCA MONDIALE! ma, anche, il popolo fa le guerre contro, i massoni e queste si chiamano rivoluzioni! I FARISEI ILLUMINATI FANNO GLI DEI INVISIBILI, ED UCCIDONO I POPOLI NELLA GUERRA MONDIALE, MA QUESTA VOLTA? MORIRANNO ANCHE LORO! Israel has engaged in another war with the Arabs. A commercial jet shot down in Ukraine has ignited U.S. conflict with Russia. Islamic terrorists have seized a huge portion of Iraq and we're being dragged back in. The U.S. once again launches into global warfare from many angles at the same time. Whether we’re “spreading democracy and liberty” or simply protecting our dollar & oil interests, our ability to save the U.S. economy by drumming up war has come to an end. Experts now say that trillions of dollars in Fed paper money-printing, a jobless "recovery," and unsustainable levels of record-debt have pushed the U.S. beyond the point of return. Not only will the coming global wars NOT produce the economic stimulus of previous wars, it will end the American Empire. And that's why millions of people and entire nations have been scrambling to the one safe haven that's impervious to falling bombs and rapid gunfire.
http://www.wholesaledirectmetals.com/index.php/gold-blog/624-the-coming-global-wars-will-end-the-american-empire/?cid=nmx&Dkt_nbr=168DE-1&utm_source=Times_of_Israel_Offers&utm_medium=widget&utm_content=323&utm_campaign=widgetphase2
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Benjamin Netanyahu -- 1. se, poi, Kerry è un depravato, perché, Bush nella 322, gli ha fatto troppo male, di dietro, nella parte sporca? Bhe, questo è qualcosa, che, soltanto loro possono sapere, perché, la 322, è segreta! 2. se, poi, Kerry è un depravato, perché, insieme Bush nella 322, hanno succhiato forte, al dio gufo JaBullOn Rothschild talmud, per giurare a lui, e per sputare contro la Costituzione? Bhe, questo è qualcosa, che, soltanto loro possono sapere, perché, la 322, è segreta! 3. se, poi, Kerry è un depravato, perché, lui ha vinto le elezioni, ma, poi hanno mandato Bush il figlio, a fare il presidente, perché, era lui il più corrotto? Bhe, questo è qualcosa, che, soltanto ILLUMINTI possono sapere, perché, ILLUMINATI FMI SPA, sono segreti! MA, SCUSA TU: Benjamin Netanyahu, ma, LE associazioni SEGRETE, NON ERANO VIETATE DALLA COSTITUZIONE? MA, SCUSA TU: Benjamin Netanyahu, TU NON HAI GIURATO ANCHE tu, SULLA COSTITUZIONE, PER NON DOVER MAI PERMETTERE LA PERDITA, DELLA SOVRANITà MONETARIA DEL TUO POPOLO? COME, TU SEI UN MASSONE TRADITORE ANCHE TU? A QUESTO PUNTO, NOI DOBBIAMO AFFERMARE: "LA DEMOCRAZIA NON è MAI ESISTITA!" non credi tu, che, è arrivato il momento, di fare in Palestina, il mio Regno Unius REI, e così salvare dalla distruzione tutto il genere umano?
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Benjamin Netanyahu -- FUNNY KERRY, che, proprio lui USA è la patria di ogni depravazione, e chiesa di satana? ma, lui lo dice agli altri: "depravati"! Questi islamici avranno leggi sbagliate, certamente, e pedofilia poligamia, è certamente, una depravazione, ma, tuttavia, islamici uccidono, anche, per negare, ogni violazione alla loro legge! che, poi, come tutti possono comprendere? la stessa shariah di ISIS, è la stessa Shariah della LEGA ARABA, del perché Kerry, debba offendere, in un modo, così, irrimediabile, e brutale, tutti i suoi opportunisti, voltaggabbana, alleati della LEGA ARABA! ISLAMICI MUOIONO SOLTANO PER I LORO INTERESSI, ED IL LORO UNICO INTERESSE è IL CALIFFATO MONDIALE NAZISTA, senza diritti umani, e senza libertà di religione!!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2014/09/24/kerry-lotta-contro-male-riguarda-tutti_6847de4f-9706-492c-ba75-8eaaf7221ce7.html
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Facebook dice che Robert DAVIS, mi ha scritto due ore fa, ma, io non vedo nessuno Robert DAVIS, in questa pagina! http://www.timesofisrael.com/surrounded-by-islamist-brutality-says-tzipi-livni-israel-cant-just-huddle-into-itself/?fb_comment_id=fbc_948842955132625_949135161770071_949135161770071#f3a39ada5ee3832
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Benjamin Netanyahu -- tu vuoi vedere, che, adesso perché, io ho dato del depravato a Kerry, adesso la CIA DATAGATE, mi riempie di spam i blogger di nuovo? lol. dopotutto, se, lui dice, che, ISIS shariah sono depravati, perché, loro sono pedofili poligami shariah? poi, tutti i suoi alleati nella LEGA ARABA shariah; sono, anche, pedofili e poligami anche? c'è pena di morte, in otto nazioni islamiche, in tutte le altre 43 nazioni della LEGA ARABA, c'è tortura, licenziamento, sottrazione di moglie e figli, per gli apostati.. ed anche, in Giordania, avviene, tutto questo! Stuprare, torturare le bambine cristiane e fare di loro la moglie di un musulmano? Minacciare di morte i parenti, della ragazza rapita? ucciderli? Questo avviene, anche, in tutta la LEGA ARABA: ogni giorno! e per i depravati satanisti americani massoni? questo è qualcosa che, a loro non importa, ed ecco perché, tutto il sistema massonico sono: tutti una mafia di depravati, anche! SE poi, un GAY, è un depravato? questo lo sa soltanto lui! Se, un GAY è fedele al suo amore, casto, ha pudore, ed altre virtù, certo lui non sarà mai un depravato, perché, anche, la fedeltà dell'amore contro natura, santifica la sua virtù!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2014/09/24/kerry-lotta-contro-male-riguarda-tutti_6847de4f-9706-492c-ba75-8eaaf7221ce7.html
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion


Il Giappone ha ampliato le sanzioni contro la Russia.. IN PREVISIONE DELLA GIà: PROGRAMMATA E, GIà, ARCHITETTATA: GUERRA MONDIALE, PERCHé LE ESIGENZE MONETARIE, E MATEMATICHE DEL FONDO MONETARIO, CHE HA STAMPATO DENARO FALSO, PER 100 VOLTE IL PRODOTTO INTERNO LORDO DEL PIANETA, NON LASCIANO ALTRA POSSIBILITà! OPPURE, NOI DOBBIAMO RIVOLGERCI AD UNIUS REI?
 http://italian.ruvr.ru/news/2014_09_24/Il-Giappone-ha-ampliato-le-sanzioni-contro-la-Russia-6618/
E CHI LIBERERà IL MONDO DALLA SHARIAH DELLA LEGA ARABA NAZI? Libia: esercito per liberare Tripoli
Il premier ha ordinato la mobilitazione delle forze armate
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

SIGNORE PIETà, CRISTO PIETà!
UNA PREGHIERA PER I DEFUNTI
UN CONFORTO PER I VIVI!
ALLA INDIA CONDOGLIANZE! NEW DELHI, 24 SET - Almeno 22 persone sono morte nello Stato settentrionale indiano di Himachal Pradesh quando un autobus con decine di passeggeri è uscito di strada cadendo in un lago artificiale. Fonti di polizia locale riferiscono che l'incidente è avvenuto nel distretto di Bilaspur e che il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi perché i soccorritori non hanno ancora terminato il loro lavoro. Non essendo chiaro il numero dei passeggeri una equipe di sommozzatori sta continuando le ricerche nel lago.
 
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

The EVIL 322 Kerry, the priest of Satan, LaVey 666 CULT BAAL OWK AT BOHEMIAN GROVE says: "fight against evil SHARIAH, affects all. It's a war against, the depravity SHARIAH therefore consolidate Nazi Alliance shariah ARAB LEAGUE! "---ANSWER--cogli0ne, just you are evil! Incidentally, you wouldn't go, TO PRETEND, TO BE: AS REI Unius, either, if, you travesti by bearded Queen Gender woman! C. s. p. b. Crux Sancti Patris Benedecti, Pope Benedict Cross. C. s. m. l. Crux Sacra Sit Mihi Lux, Holy Cross be my light. N. D. S. M. D. Draco sit mihi dux not, That the Dragon is not my duce. V. r. s. Vadre Back Satan, Satan Away! N. S. M. V. Suade Mihi Vana, no, YOU persuaderai of vain things. S. m. q. l. Sunt Mala Quae Libas, what YOU offer is bad. I.V. b. Ipsa Venena Bibas, drink your poison yourself. + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto, HOLY Benedict Cross. Holy Cross be my light and is never the Dragon my duce. Goes back Satan! YOU do not persuaderai, of vain things. Mali are the things that, YOU offer, drink your poison MADE BY yourself. In the name of the father, the son and the Holy Spirit +. Amen!
KERRY 322, YOU'RE DOING a GOOD JOB for SATAN and certainly, he will reward YOU in hell!
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

IL DEPRAVATO 322 Kerry, il sacerdote LaVey di satana, dice: "lotta contro male SHARIAH, riguarda tutti. E' una guerra contro, la depravazione SHARIAH, QUINDI, consolidare alleanza dei nazisti shariah LEGA ARABA! " --- ANSWER -- cogli0ne, PROPRIO tu sei il male! Daltronde, tu non riusciresti a passare per Unius REI, neanche, se ti travesti da donna Queen barbuta Gender! C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti, Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux, Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux, Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana, Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni. + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto, Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
KERRY 322, TU STAI FACENDO UN BUON LAVORO PER SATANA E CERTAMENTE, LUI ALL'INFERNO TI PREMIERà!
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

TRA FARISEI USURAI TALMUD, E SALAFITI OTTOMANI CORANO SHARIAH, C'è L'ESSERE DOGMATICI, RAZZISTI, E MANIACI RELIGIOSI IN COMUNE! ] [ Ramondetta Vincenzo [ CITANDO ANCORA IL PROFETA DEL NOSTRO GIORNO. WILLIAM BRANHAM EGLI DISSE CHE ALLA FINE L'AMERICA AVREBBE ABBANDONATO ISRAELE PER ALLEARSI CON GLI ARABI, E QUESTO AVREBBE SEGNATO LA FINE PER L'AMERICA. OGGI QUESTE PROFEZIE SI STANNO ADEMPIENDO, SOTTO I NOSTRI OCCHI! Michele Savino ha condiviso la foto di Gruppo Cristiani Evangelici - Il saluto cristiano evangelico. L'agricoltore che coltiva con cura e sacrifici il proprio terreno sarà ben ricompensato dalla raccolta. Lo dice la Parola del Signore: «Chi coltiva la sua terra avrà pane da saziarsi, ma chi va dietro ai fannulloni è privo di senno» (Rif. Libro dei Proverbi Cap.12 verso 11). Non altrettanto ricaverà colui che, invece, pensa solo a riposarsi! Buona giornata a tutti... DVB! 24 SET - "L'aggravarsi della crisi in Siria continua a mettere a rischio un'intera generazione di bambini": è quanto emerge dal rapporto dell'iniziativa No Lost generation in cui si precisa che nel corso dell'ultimo anno, 770.000 bambini colpiti dalla crisi in Siria sono stati aiutati sottoforma di supporto all'istruzione e quasi 660.000 bambini hanno avuto bisogno di sostegno psicologico.
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

ISLAMICI UCCIDONO E TORTURANO I DHIMMI SCHIAVI, IN TUTTA LA LEGA ARABA, PER PROTEGGERE LA LORO DEMONICA RELIGIONE, DEL LORO FALSO FROFETA! .. perché noi ci dobbiamo vergognare delle nostre radici culturali? CONTRARIAMENTE, NON AVREMMO UN FUTURO, HA DETTO IL FILOSOFO ATEO BENEDETTO CROCE! DIRITTI UMANI E DEMOCRAZIA, SONO SOLTANTO IN AMBITO CULTURALE EBRAICO-CRISTIAANO ] Grotta di Lourdes a scuola in Croazia. Fatta costruire dal preside in mezzo alle polemiche. ZAGABRIA, 24 SET - In una scuola media superiore a Zara, in Croazia, il preside ha fatto costruire su di un'intera parete una replica della statua della Vergine Maria, alta un metro e venti, e della Grotta di Lourdes, fatto che ha succitato non poche reazioni nell'opinione pubblica sull'opportunità di un simile intervento in una scuola pubblica. Per il preside, Ivan Cular, la statua si trova alla fine di un corridoio della scuola, accanto all'aula dove si svolge l'educazione religiosa cattolica.
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

POCHI UOMINI HANNO LA LUCIDITà, PROFONDITà TEOLOGICA DI PAPA BENEDETTO XVI, IL PRIMO PAPA, CHE, HA SANTIFICATO L'EBRAISMO ED IL VECCHIO TESTAMENTO! LUI è UNA FIGURA LUMINOSA, AFFINCHé, ISRAELE SI POSSA APRIRE ALLA UNIVERSALITà DELLA SUA VOCAZIONE SACERDOTALE E PROFETICA! BENEDETTO XVI, DEVE ESSERE INSEDIATO A GERUSALEMME! SE, IL TALMUD NON VERRà CONDANNATO, CERTO, IL SATANISMO SI DIFFONDERà SU TUTTO IL PIANETA! ] mercoledì 24 settembre 2014. Benedetto XVI Discorso su Famiglia, sessualità e castità ai Vescovi Americani. Cari Fratelli Vescovi, Saluto tutti voi con affetto fraterno in occasione della vostra visita ad limina Apostolorum. Come sapete, quest’anno desidero riflettere con voi su alcuni aspetti dell’evangelizzazione della cultura americana alla luce delle sfide intellettuali ed etiche del momento presente. Negli incontri precedenti ho riconosciuto la nostra preoccupazione per le minacce alla libertà di coscienza, di religione e di culto che devono essere affrontate con urgenza, affinché tutti gli uomini e le donne di fede, e le istituzioni che essi ispirano, possano agire in conformità alle loro convinzioni morali più profonde. In questa occasione vorrei parlare di un’altra questione grave che mi avete esposto durante la mia visita pastorale in America, vale a dire la crisi attuale del matrimonio e della famiglia, e più in generale della visione cristiana della sessualità umana. Di fatto, è sempre più evidente che un minor apprezzamento dell’indissolubilità del contratto matrimoniale e il diffuso rifiuto di un’etica sessuale responsabile e matura, fondata nella pratica della castità, hanno portato a gravi problemi sociali che comportano un costo umano ed economico immenso. Tuttavia, come ha osservato il beato Giovanni Paolo II, il futuro dell’umanità passa per la famiglia (cfr. Familiaris consortio n. 85). Di fatto, «troppo grande è il bene che la Chiesa e l’intera società s’attendono dal matrimonio e dalla famiglia su di esso fondata per non impegnarsi a fondo in questo specifico ambito pastorale. Matrimonio e famiglia sono istituzioni che devono essere promosse e difese da ogni possibile equivoco sulla loro verità, perché ogni danno arrecato ad esse è di fatto una ferita che si arreca alla convivenza umana come tale» (Sacramentum caritatis n. 29). A questo riguardo occorre menzionare in modo particolare le potenti correnti politiche e culturali che cercano di alterare la definizione legale del matrimonio. Lo sforzo coscienzioso della Chiesa di resistere a queste pressioni esige una difesa ragionata del matrimonio come istituzione naturale costituita da una comunione specifica di persone, fondamentalmente radicata nella complementarietà dei sessi e orientata alla procreazione. Le differenze sessuali non possono essere respinte come irrilevanti per la definizione del matrimonio. Difendere l’istituzione del matrimonio come realtà sociale è, in ultima analisi, una questione di giustizia, poiché comporta la tutela del bene dell’intera comunità umana, nonché dei diritti dei genitori e dei figli. Nelle nostre conversazioni, alcuni di voi hanno parlato con preoccupazione delle crescenti difficoltà riscontrate nel trasmettere l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e sulla famiglia nella sua integrità, e della diminuzione del numero di giovani che si avvicinano al sacramento del matrimonio. Certamente dobbiamo riconoscere alcune carenze nella catechesi degli ultimi decenni, che talvolta non è riuscita a comunicare la ricca eredità dell’insegnamento cattolico sul matrimonio come istituzione naturale elevata da Cristo alla dignità di sacramento, la vocazione degli sposi cristiani nella società e nella Chiesa e la pratica della castità coniugale. A questo insegnamento, ribadito con crescente chiarezza dal magistero post-conciliare e presentato in modo completo sia nel Catechismo della Chiesa Cattolica sia nel Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, deve essere restituito il suo posto nella predicazione e nell’insegnamento catechetico. A livello pratico, i programmi di preparazione al matrimonio devono essere attentamente rivisti per assicurare che vi sia una maggiore concentrazione sulla loro componente catechetica e sulla presentazione delle responsabilità sociali ed ecclesiali che il matrimonio cristiano comporta. In questo contesto non possiamo ignorare il grave problema pastorale rappresentato dalla diffusa pratica della convivenza, spesso da parte di coppie che sembrano essere inconsapevoli che è un grave peccato, per non dire che rappresenta un danno alla stabilità della società. Incoraggio i vostri sforzi volti a sviluppare norme pastorali e liturgiche chiare per la degna celebrazione del matrimonio, che rappresentino una testimonianza inequivocabile delle esigenze oggettive della moralità cristiana, mostrando allo stesso tempo sensibilità e sollecitudine per le giovani coppie. Anche qui desidero esprimere il mio apprezzamento per i programmi pastorali che state promuovendo nelle vostre diocesi e, in particolare, per la chiara e autorevole presentazione della dottrina della Chiesa nella vostra Lettera del 2009 Marriage: Love and Life in the Divine Plan. Apprezzo anche ciò che le vostre parrocchie, le vostre scuole e i vostri enti caritativi fanno ogni giorno per sostenere le famiglie e per aiutare quanti si trovano in situazioni matrimoniali difficili, specialmente le persone divorziate e separate, i genitori singoli, le madri adolescenti e le donne che pensano all’aborto, come pure i bambini che subiscono gli effetti tragici della disgregazione familiare. In questo grande impegno pastorale è urgentemente necessario che l’intera comunità cristiana torni ad apprezzare la virtù della castità. La funzione integrativa e liberatrice di questa virtù (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 2338-2343) deve essere sottolineata da una formazione del cuore che presenti la comprensione cristiana della sessualità come fonte di libertà autentica, di felicità e di realizzazione della nostra vocazione fondamentale e innata all’amore. Non si tratta solo di presentare argomenti, ma anche di fare appello a una visione integra, coerente ed edificante della sessualità umana. La ricchezza di questa visione è più solida e attraente delle ideologie permissive esaltate in alcuni ambiti; queste, di fatto, costituiscono una forma potente e distruttiva di controcatechesi per i giovani. I giovani devono conoscere l’insegnamento della Chiesa nella sua integrità, per quanto possa essere impegnativo e contro-culturale; cosa ancora più importante, devono vederlo incarnato da coppie sposate fedeli che danno una testimonianza convincente della sua verità. Devono anche essere sostenuti mentre lottano per compiere scelte sagge in un tempo difficile e confuso della loro vita. La castità, come ci ricorda il Catechismo, comporta «l’acquisizione del dominio di sé, che è pedagogia per la libertà umana» (n. 2339). In una società che tende sempre più a fraintendere e perfino a irridere questa dimensione essenziale dell’insegnamento cristiano, occorre rassicurare i giovani che «chi fa entrare Cristo, non perde nulla, nulla — assolutamente nulla di ciò che rende la vita libera, bella e grande» (Omelia, Santa Messa per l’inaugurazione del ministero petrino, 24 aprile 2005). Vorrei concludere ricordando che tutti i nostri sforzi in questo ambito in fondo sono tesi al bene dei bambini, che hanno il diritto fondamentale di crescere con una sana comprensione della sessualità e del posto che le corrisponde nei rapporti umani. I bambini sono il tesoro più grande e il futuro di ogni società: preoccuparsi veramente di loro significa riconoscere la nostra responsabilità d’insegnare, difendere e vivere le virtù morali che sono la chiave della realizzazione umana. È mia speranza che la Chiesa negli Stati Uniti, per quanto frenata dagli eventi dell’ultimo decennio, perseveri nella sua missione storica di educare i giovani e, in tal modo, di contribuire al consolidamento di quella sana vita familiare che è la garanzia più sicura della solidarietà intergenerazionale e della salute della società nel suo insieme. Raccomando ora voi e i vostri fratelli Vescovi, insieme al gregge affidato alle vostre cure pastorali, all’amorevole intercessione della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe. A tutti voi imparto volentieri la mia Benedizione Apostolica come pegno di saggezza, forza e pace nel Signore. https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

LA NATO è UN CRIMINALE INTERNAZIONALE! SOLTANTO LA RUSSIA, ED UNIUS REI, HANNO IMPEDITO IL GENOCIDIO DEI RUSSOFONI! ecco i pogrom, che, CIA BILDENBERG, BUSH 322 KERRY, MERKEL E MOGHERINI HANNO FATTO AD ODESSA! Мразь, которая добивала беззащитных людей [ Carmine Zaccaria tramite Zhenia Moskalevich. Ieri alle 11.18 · Cosa si può aggiungere? Parlano le immagini. Dopo queste immagini di dolore tento di rivedere una Odessa Bellissima come un film nella mia mente. Ai margini della famosa scala di pietra alcuni gruppi cantavano in coro Mezzanotte a Mosca. 2 394 viewsAdded 31 August http://my.mail.ru/mail/number260/video/_myvideo/3457.html
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Ramondetta Vincenzo AMEN FRATELLO. DIO TI BENEDICA E UNA BUONA GIORNATA IN CRISTO GESù
 https://www.facebook.com/ramondetta.vincenzo
Lorenzo Scarola prudenti come serpenti, puri come colombe, sulla strada tortuosa, e piena di mine, guidati dalle intuizioni dello Spirito Santo, DI GLORIA IN GLORIA, FINO ALLA CASA DEL PADRE!
 
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

This is the demonstration that the Arab League is one only jihadist, terrorists Galaxy shariah in order to achieve the genocide of mankind!
questa è la dimostrazione che, tutta la LEGA ARABA, è una sola galassia jihadista, di terroristi shariah per realizzare il genocidio del genere umano!
Radical Jordanian cleric acquitted on terrorism charges
Lawyer expects Abu Qatada, a Palestinian-born preacher, to be released within hours
Radicale chierico Jordanian assolto accusa di terrorismo
Avvocato prevede Abu Qatada, un predicatore palestinese-sopportato, per essere rilasciato entro le ore
AMMAN, Jordan — A Jordanian military court on Wednesday acquitted radical Muslim preacher Abu Qatada on terrorism charges for his role in plotting attacks against Americans and Israelis.
 http://www.timesofisrael.com/radical-jordanian-cleric-acquitted-on-terrorism-charges/#ixzz3EEjsWcma
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

Antimo Marandola · Top Commentator · Tel Aviv
poveracci hanno dimenticato che la spianata e' e sempre sarà territorio di Israele. Apriamoci un bel parcheggio o un McDonalds.

Lorenzo Scarola · Teologico dell'Italia Meridionale
no, https://www.facebook.com/antimo.marandola Antimo Marandola, io non avrei mai demolito la Cupola della Roccia, ma, ORA è INDISPENSABILE CHE QUESTA DEMOLIZIONE VENGA REALIZZATA, PERCHé, ALTRIMENTI, QUESTA ESALTAZIONE ISLAMICA, E PARANOICA, NON SI BLOCCHERà! questo bullismo, è una responsabilità politica della Autorità terroristica palestinese Hamas shariah, e di sua galassia jihadista ummah LEGA ARABA, I NAZISTI SENZA DIRITTI UMANI, LEGALIZZATI DA USA UE, RUSSIA, AMNESTY ED ONU!! Non ci troviamo più di fronte, ad una legislazione civile ordinaria! e QUESTA non è neanche, UNA LEGISLAZIONE DI GUERRA, che, RISPETTA LE CONVENZIONI INTERNAZIONALI, questo è il terrorismo legalizzato ONU Shariah, LEGA ARABA, ECCO PERCHé, TUTTI I MUSULMANI di Palestina. DEVONO ESSERE DEPORTATI IN SIRIA! è la LEGA ARABA shariah, responsabile: ideologicamente, politicamente, religiosamente, moralmente, e militarmente, della formazione, dela sua galassia jihadista shariah, per il mondo intero! ] 24 SET - Incidenti si sono verificati stamane nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme quando, secondo la radio militare israeliana, giovani palestinesi hanno lanciato petardi e sassi contro le forze dell'ordine. In seguito, alcuni manifestanti si sono barricati nella Moschea al-Aqsa. Gli incidenti sono avvenuti mentre nella Spianata era in corso un sopralluogo del ministro israeliano per la sicurezza interna Yitzhak Aharonovic e del capo della polizia di Gerusalemme Yossi Pariente.
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

è giusto fare chiarezza! LE TRUPPE DEI NAZISTI MERKEL MOGHERINI, KIEV, DEVONO USCIRE DALLE PROVINCIE RUSSOFONE, E POI, I CASCHI BLU, DEVONO REALIZZARE, UNA FORZA DI INTERPOSIZIONE, NEL VERSANTE UCRAINO! perché, Kiev non rinuncerà mai, ad attaccare aggredire quelle provincie: del Dombass: libere, costituzionalmente sovrane e, democraticamente indipendenti! ] Kiev, 8 militari feriti in 24 ore. In Ucraina orientale, nonostante il cessate il fuoco
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

la Libia era il posto più sereno, e sicuro del mondo! ECCO CHE COSA SUCCEDE, QUANDO ENTRANO IN AZIONe, I SATANISTI AMERICANI, ED I MASSONI BILDENBERG EUROPEI... TRIONFA AL-QAEDA saudita ottomano: genocidio shariah a tutti! [ Allarme dalla Libia, rischia la catastrofe umanitaria. Il premier ha ordinato la mobilitazione generale delle forze armate per liberare Tripoli dalle milizie filo islamiche
LorenzoJHWH Unius REI
https://www.youtube.com/user/StopSpaMistafield/discussion

timesofisrael.com ] MA, di questa notizia sono sicuro: "la Giordania ha scarcerato un Imam Ideologo di Al-Qaeda! Cioè, non lo ha mai condannato!" ED ORMAI DI QUESTA NOTIZIA, NESSUNO PIù SI MERAVIGLIA, perché, esiste un sola shariah in comune, per realizzare il genocidio di tutto il genere umano!

666 IMF 322? kill my youtube!